RSS Facebook Twitter Google + Google + Pinterest Pinterest Pinterest Istagram    
   Link

   Sanità:
  PRESIDIO OSPEDALIERO DI EBOLI POTENZIATE GLI ORGANICI E DEFINITE I PERCORSI
   
PRESIDIO OSPEDALIERO DI EBOLI POTENZIATE GLI ORGANICI E DEFINITE I PERCORSI COSI’ SI CONTRASTA I VIRUS La riattivazione del reparto di malattie infettive che già a suo tempo nel periodo febbraio-maggio, era stato riconvertito in reparto COVID, pone la necessità di definire i percorsi finalizzati a dare dignità e diritto di cura ai pazienti affetti da patologia COVID - afferma Emiddio Sparano delegato del presidio ospedaliero di Eboli per CISL FP di Salerno - ma contestualmente è importante verificare che tutte le attività vengano svolte in totale sicurezza per i pazienti e soprattutto per gli operatori sanitari implicati in prima linea. Definire i percorsi e le soluzioni attivate per la gestione dei pazienti che dovranno essere ospitati nel servizio centrale di rianimazione e per tutti quelli di pertinenza chirurgica/ortopedica. La verifica e la condivisione dei percorsi in sicurezza è garanzia che non possiamo tralasciare soprattutto in tempo di pandemia. La frequenza dei contagi tra operatori sanitari impone massima attenzione. Forse sarebbe stato opportuno individuare nell’ASL e nell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Salerno strutture ospedaliere da
adibire a presidi no-Covid invece di ripartire posti letto in strutture dove convivono attività di emergenza e di elezione con grave rischio per operatori ed utenti. Potenziare anche con personale tecnico sanitario i servizi di diagnostica per accelerare le procedure di individuazione di patologie severe dei pazienti infetti e dividerli in sicurezza da quelli no-Covid ma che presentano condizioni sulle quali intervenire per evitare infausti eventi possibili se non trattati. Coinvolgere nelle attività domiciliari tutti i professionisti territoriali, sia sanitari che del comparto, alla luce della difficoltà a reperire infermieri e medici. L’assenza in sede centrale del confronto con parti sociali e portatori di interesse sta mostrando tutti i limiti nella gestione dell’epidemia. Manca una regia centrale. Distretti ed ospedali sono stati abbandonati e si sta perdendo l’opportunità che attraversando la pandemia si possa uscire con un sistema riorganizzato e concepito a misura dei concreti bisogni assistenziali delle comunità di riferimento.

Emiddio Sparano
Delegato CISL FP Presidio Ospedaliero Eboli
Firma autografa omessa ai sensi
dell’art. 3 del D. Lgs. n. 39/1993
    Lascia un commento

    * Nome
    * Mail
    Commento
Giovedì 5 novembre 2020
  RSS Facebook Twitter Google + Google + Pinterest Pinterest Pinterest Istagram    


Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported
@Reserved: Tutti i diritti sono riservati vietato la riproduzione anche parziale i trasgressori verranno puniti dalla legge.
Tutti i video che sono presente in questo sito sono senza scopo di lucro.

Le immagini raffiguranti loghi e marchi delle associazioni sono di proprietà dei rispettivi titolari. NotizieIrno è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti sul sito sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo. , che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.