RSS Facebook Twitter Google + Google + Pinterest Pinterest Pinterest
   Link

   Cultura:
  L'INCREDIBILE E TRISTE STORIA DEL “REGINA MARGHERITA” DI SALERNO
   
L'INCREDIBILE E TRISTE STORIA DEL “REGINA MARGHERITA” DI SALERNO I fatti: quando l’Istituto ha ceduto le proprie aule al Tribunale, ha conservato l’uscita su piazza Malta come via di fuga in caso di emergenza, così come previsto dalla legge. A margine, ha adattato nel tempo la sua struttura per ospitare il voluminoso bacino di utenza che all’Istituto si è sempre rivolto negli anni (motivo di orgoglio per la nostra città). Il paradosso: nel momento in cui il Tribunale lascia le aule della ex Piazza Malta, oggi XXIV Maggio, l’Istituto “Regina Margherita”
resta senza vie di fuga. L’aggravante: la circolazione del Covid-19 costringe i Dirigenti scolastici a cercare tutte le soluzioni possibili per mandare avanti la scuola in sicurezza, le Istituzioni promettono nuovi arredi, cioè banchi monoposto e sedie adatte a rispettare il distanziamento che qui non sono mai arrivati. Ai Dirigenti spetta anche l’individuazione di nuovi spazi per ospitare le aule- sempre in sicurezza- e consentire agli studenti di usufruire di didattica mista, in presenza e a distanza. Niente di più facile per la nostra Dirigente che fare richiesta per ottenere le aule dell’ormai dismesso Tribunale; niente di più difficile che ottenere risposta! il grotesque: mentre la nostra Dirigente chiede ripetutamente le chiavi dei locali per poter partire e assicurare dignità e sicurezza ad un’intera comunità scolastica, inviando relazioni dell’RSPP, documenti condivisi con il Consiglio d’Istituto, mentre aspetta almeno i banchi monoposto, il Comune ci chiede di consegnare i banchi biposto che abbiamo per mandarli in Africa! Il corpo Docente, il Personale Ata, la comunità tutta è profondamente indignata dal comportamento delle Istituzioni che ignorano volutamente le richieste della Dirigente Nappi con atteggiamenti di indifferenti, provocatori e gravissimi, soprattutto in un momento di emergenza come quello attuale. Il tentativo di isolare la voce della nostra Preside si scontra, però con un muro: la comunità scolastica tutta fa eco alla sua voce, i docenti, il personale ATA, gli studenti, le famiglie. La battaglia del “Regina Margherita” è combattuta in nome della giustizia sociale e civile, del diritto alle pari opportunità per i nostri studenti, figli di questa città che non può guardare con indifferenza un pezzo della sua storia cadere sotto le raffiche del “fuoco amico” delle nostre istituzioni locali. Perché la verità è questa: il “Regina Margherita”, senza uscita di sicurezza, dunque a prescindere dal Covid, è semplicemente e volontariamente condannato a morte. La nostra speranza, la speranza della nostra città, è racchiusa nell’ ostinazione, nella caparbietà della Preside Nappi che continua a lottare perché vengano garantiti diritti elementari: diritto allo studio, al lavoro, alla sicurezza. I salernitani devono sapere che l’atteggiamento del comune porterà ad una contrazione delle iscrizioni, ad un inesorabile smantellamento di questa antica scuola e devono sapere che perdere una scuola in una città non è un danno solo per chi ci lavora o per gli utenti: è una resa della civiltà di fronte all’ignoranza ed all’interesse!

I DOCENTI E IL PERSONALE ATA DEL “REGINA MARGHERITA”
    Lascia un commento

    * Nome
    * Mail
    Commento
Mercoledì 21 ottobre 2020
  RSSFacebookTwitterGoogle +Google +PinterestPinterestPinterest    


Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported
@Reserved: Tutti i diritti sono riservati vietato la riproduzione anche parziale i trasgressori verranno puniti dalla legge.
Tutti i video che sono presente in questo sito sono senza scopo di lucro.

Le immagini raffiguranti loghi e marchi delle associazioni sono di proprietà dei rispettivi titolari. NotizieIrno è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti sul sito sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo. , che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.