RSS Facebook Twitter Google + Google + Pinterest Pinterest Pinterest
   Link

   Cultura:
  Il Liceo Regina Margherita, istituto storico della città di Salerno
   
Il Liceo Regina Margherita, istituto storico della città di Salerno, ha chiuso le porte per le lezioni in presenza agli studenti. Questa frase fa già pensare di suo, ma ciò che sfiora l’assurdo è la motivazione. La faida interna tra la Provincia, il Comune e il Tribunale di Salerno, ha fatto si che, con il passare del tempo, a 1100 studenti fosse negato il diritto allo studio. Di fatto, il 29 settembre, diversamente dagli altri istituti della città che hanno accolto nuovi studenti e insegnanti, il Regina Margherita ha lasciato i cancelli chiusi, iniziando l’anno scolastico direttamente
con la DAD. La cosa più grave, poi, è il tempismo nel far accadere tutto ciò. Vogliono dare la colpa al covid, ma questa volta, non è lui il mostro. Se fossimo stati in un periodo normale, questo problema si sarebbe presentato allo stesso modo, probabilmente recando ancora più problemi. L’istituto, dopo anni di collaborazione con il tribunale di Salerno, si ritrova all’apertura dell’anno scolastico privo di elementi strutturali che garantiscano il rispetto delle norme di sicurezza. Dopo vari solleciti agli enti di competenza da parte della nostra dirigente, ad oggi siamo ancora senza alcuna risposta. Noi studenti viviamo una situazione di disagio, privati di un nostro diritto. I problemi che abbiamo riscontrato dall’inizio dell’anno scolastico, potevano essere ridotti al minimo con il nostro rientro a scuola negato. In fin dei conti, durante il lockdown, abbiamo già affrontato questa situazione e i propri difetti e, a giugno, ne siamo usciti a testa alta, fiduciosi che nel futuro non si ripetessero. Invece, ci siamo ritrovati nella stessa situazione della quarantena, costretti quindi a crollare negli stessi problemi della DAD che causano noi, componente scolastica, effetti per lo più negativi: infatti il profitto e soprattutto il nostro apprendimento vengono messi in secondo piano, in quanto le spiegazioni effettuate mediante la didattica a distanza non ci consentono di apprendere al meglio nozioni fondamentali che sarebbero state recepite più facilmente in presenza, e questo è dovuto al contatto diretto col professore. Inoltre, per quanto riguarda l’aspetto psicologico, noi studenti stiamo subendo le conseguenze di questa situazione, che sta creando danni in particolar modo alla nostra socialità; difatti avvertiamo la necessità di ritornare a godere del contatto umano che solo a scuola possiamo avvertire,non solo con i nostri compagni di classe (che ormai non vediamo dal vivo da mesi e mesi, e con i quali abbiamo condiviso anni fondamentali della nostra formazione), ma anche col resto degli studenti . La scuola è ed è sempre stata una piccola società, un ambiente all’interno del quale noi alunni abbiamo la possibilità di confrontarci liberamente riguardo idee, pensieri e avvenimenti. Quindi non si tratta solo di studio, ma anche di crescita umana ed emotiva. Infine, l’essere costretti a stare a contatto con computer e telefoni cellulari per ore ed ore, nuoce alla nostra salute fisica. Giungendo così alla fine della giornata scolastica ( che è stata ridotta) stanchi, forse anche più di come ci saremmo trovati se fossimo andati a scuola, e avvertendo dolori fisici come agli occhi e alla schiena. Noi studenti indirizziamo questo appello alla città di Salerno, siamo stanchi e sfiniti di dover continuare a studiare per il nostro futuro in queste condizioni. Ci sentiamo ostacolati nella nostra crescita culturale e sociale, alimentando in noi una forte sfiducia nelle istituzioni pubbliche e negli enti che dovrebbero tutelarci. Confidiamo in primis nell’opinione pubblica che, condividendo il nostro stato di disagio, ci aiuterà a far conoscere a tutti le ingiustizie sociali che stiamo vivendo. In questa situazione noi stiamo ricevendo meno del dovuto, nonostante il grande prestigio storico della
nostra scuola, e l’importanza di un’istituzione che ,come poche, riunisce studenti di tutta la provincia di Salerno.

Rappresentanti degli Studenti

(Francesco Guerrazzi
Marco Napoli
e Sabrina Rizzo)

    Lascia un commento

    * Nome
    * Mail
    Commento
Lunedì 19 ottobre 2020
  RSSFacebookTwitterGoogle +Google +PinterestPinterestPinterest    


Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported
@Reserved: Tutti i diritti sono riservati vietato la riproduzione anche parziale i trasgressori verranno puniti dalla legge.
Tutti i video che sono presente in questo sito sono senza scopo di lucro.

Le immagini raffiguranti loghi e marchi delle associazioni sono di proprietà dei rispettivi titolari. NotizieIrno è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti sul sito sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo. , che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.