RSS Facebook Twitter Google + Google + Pinterest Pinterest Pinterest
   Link

   Cronaca:
  Lockdown amministrativo e gestionale dell’amministrazione Scafatese
 
Al Sig. Sindaco
Ai Sig.ri Assessori Comunali
Al Sig. Segretario Generale
Ai Sig.ri Responsabili di Settore
Alla RSU e dipendenti
Comune di Scafati (Sa)
Lockdown amministrativo e gestionale dell’amministrazione Scafatese. Acuirsi delle criticità di assicurare continuità nei servizi e del benessere organizzativo nei luoghi di lavoro, del buon andamento amministrativo, e presa atto inadempienza contrattuale. Dichiarazione dello Stato di Agitazione.
Le scriventi Organizzazioni Sindacali, sono costrette a prendere atto del coronamento evanescente che sta caratterizzando codesta Amministrazione,
la quale in tutti gli incontri negoziali si è sempre dichiarata attenta e disponibile nel riportare con le parti sociali di riportare nell’alveo del “buon andamento amministrativo” la gestione pubblica, per poi essere smentita nei fatti dall’imperante ed ondivaga azione di “burocrazia” interna. E solo il caso di rinnovare l’esistenza della drammatica e generalizzata carenza di personale, che in un triennio e passata da circa 300 a 120 unità lavorative, che a breve, causa il raggiungimento del limite ordinamentale e quota 100, perderà ulteriori altre 10 unità tali da far collassare con effetto domino tutto il sistema generando ulteriore aggravamento sul benessere organizzativo, ed in maniera principale, sui Cittadini costretti a pagare il conto dello stallo sotto forma di compressione di tutti i servizi. Altrettanto paradossare e dover prendere atto dell’inadempienza contrattuale, riferito ai sottoscritti accordi decentrati che a tutt’oggi non sono stati resi pienamente esigibili, ove irragionevoli ed ingiustificabili balzelli pseudo burocratesi, stanno concretizzato palese inosservanza e facendo esporre ancora una volta l’Ente a precise responsabilità gestionali ed erariali. Tale atteggiamento, a nostro avviso rimane oltremodo irriguardoso nei confronti dell’Autorità Statale titolata ad esperire il raffreddamento del conflitto, che ultimamente determinò dichiarazione di revoca dello stato di agitazione proclamato, che alla luce dei fatti susseguiti, costituisce chiara forma sleale di azione sindacale e di totale nocumento dei principi di leggi per il contemperamento della missione di servizio pubblico delle amministrazioni a vantaggio degli utenti e dei cittadini con gli interessi dei lavoratori. Per quanto esposto, a parere delle scriventi OO.SS. il tutto rappresenta e conferma l’inadeguatezza delle scelte operate, ed in conformità del mandato ricevuto dai lavoratori preannunciano una più ampia azione di tutela dei lavoratori rappresentati, non escludono d’intraprendere incisive azione di protesta con astensione dal lavoro ed eventuali mobilitazioni, mediante la proclamazione dello stato di agitazione dei dipendenti del comune di Scafati. Nel merito prima dell’attivazione delle preannunciate azioni di tutela, chiedono di conoscere tempo e procedure della completa attuazione dell’obbligazione contrattuale, prima di attivare il tavolo per il raffreddamento del conflitto ex art. 2 legge 146/90 presso la Prefettura di Salerno. In attesa di riscontro, distinti saluti.

Segreteria CGIL/FP

Segreteria CISL/FP

Segreteria UIL/FPL

f.to Alfonso Rianna f.to Vincenzo Della Rocca f.to Giuseppe Russo
  Firme autografe omesse ai sensi  
  dell’art. 3 del D. Lgs. n. 39/1993  
    Lascia un commento

    * Nome
    * Mail
    Commento
Martedì 26 maggio 2020
  RSSFacebookTwitterGoogle +Google +PinterestPinterestPinterest    


Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported
@Reserved: Tutti i diritti sono riservati vietato la riproduzione anche parziale i trasgressori verranno puniti dalla legge.
Tutti i video che sono presente in questo sito sono senza scopo di lucro.

Le immagini raffiguranti loghi e marchi delle associazioni sono di proprietà dei rispettivi titolari. NotizieIrno è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti sul sito sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo. , che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.