RSS Facebook Twitter Google + Google + Pinterest Pinterest Pinterest
   Link

   Cronaca:
  Il concorso pubblico AOU Salerno
   
Il concorso pubblico AOU Salerno n° 160 CPS Infermieri Antonacchio: Va sospeso, anzi no, va annullato! E’ ora di ripristinare legalità e rispetto delle leggi - dichiara Pietro Antonacchio Segretario della CISL FP di Salerno - poiché corre l’obbligo segnalare senza più ulteriori indugi che il bando di concorso pubblico per n° 160 CPS Infermieri pubblicato sulla G.U. n° 9 del 31/01/2020 e per il quale sono previste le prove preselettive nelle giornate dal 2 al 5 novembre p.v. è illegittimo nella forma, per tutti i rilievi già inoltrati a vari livelli delle istituzioni a garanzia dei diritti dei candidati, ma è oltretutto da
annullare poiché non prevede tra le riserve quelle delle quote d’obbligo relative alle categorie fragili e protette dalla legge 68 del 1999. In una nota indirizzata al Prefetto di Napoli e al Sindaco della città partenopea nonché al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio e rispettivamente ai Ministri della Salute e della Pubblica Amministrazione abbiamo sollecitato un autorevole intervento al fine di fare luce su due aspetti ritenuti importanti, relativamente al rischio che corrono circa 10.000 candidati, in uno a tutta la cittadina partenopea, di espletare una prova concorsuale in piena ingravescenza dell’epidemia in atto, in uno ad una serie di errori amministrativi determinati a causa di non ottemperanza al bando emanato e alle procedure messe in campo. Purtroppo sembrerebbe che la legittimità e il rispetto dei principi che dovrebbero governare la pubblica amministrazione siano diventati del tutto estranei alla Direzione Strategica dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Salerno. Purtroppo avendo oramai capito che il dialogo e il confronto su tematiche prioritarie e ritenute fondanti per mantenere corrette relazioni sindacali non rientra nella consuetudine comportamentale della direzione strategica dell’azienda sanitaria, abbiamo inoltrato per chiedere un autorevole intervento sulla questione una nota al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e a quello della Pubblica Amministrazione, al Prefetto di Salerno e all’Ispettorato del lavoro affinché intervengano in maniera risoluta a sospendere cautelativamente la preselezione indetta per le giornate dal 2 al 5 novembre prossimi e verificare se non sussistano estremi di annullamento del concorso, non avendo rispettati gli obblighi di riserva dei posti per le categorie protette di cui alla legge 68/99. A mio parere - conclude Antonacchio - questo concorso così come bandito non sa da fare e se si farà sancirà la definitiva scomparsa del buon senso e della legittimità burocratico-amministrativa nell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Salerno, già messa in notevole discussione negli ultimi anni da grave inefficienza ed inefficacia. Continua a leggere

Il Segretario Generale
Pietro Antonacchio

Al Direttore Generale
Azienda Ospedaliero Universitaria di Salerno

 

Al Sig. Prefetto di Salerno

 

Al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
segreteriaministro@pec.lavoro.gov.it
gabinettoministro@pec.lavoro.gov.it
dgattivitaispettiva@pec.lavoro.gov.it

 

Al Ministero per la Pubblica Amministrazione
protocollo_dfp@mailbox.governo.it

 

All’Ispettorato del Lavoro – sede nazionale
IIL.Roma@pec.ispettorato.gov.it

 

All’Ispettorato del Lavoro – sede regionale
IIL.Napoli@pec.ispettorato.gov.it

 

All’Ispettorato del Lavoro – sede provinciale
ITL.Salerno@pec.ispettorato.gov.it

 

Oggetto: concorso pubblico AOU Salerno n° 160 CPS Infermiere G.U. n° 9 del 31 gennaio 2020

 

In riferimento all’oggetto corre l’obbligo segnalare che il bando di concorso pubblico per n° 160 CPS Infermieri, pubblicato sulla G.U. n° 9 del 31/01/2020 - allegato 1 - e per il quale sono previste le prove preselettive nelle giornate dal 2 al 5 novembre p.v., non enuclea tra le riserve quelle d’obbligo di cui alla legge 68/99.

A tal proposito si rileva che la pubblica amministrazione è tenuta ad assumere persone con disabilità nella quota d'obbligo prevista dalla normativa e ad osservare precisi vincoli per effettuare le assunzioni in conformità a quanto previsto dall'art. 35 del Decreto Legislativo n. 165/2001 in tema di procedure per le assunzioni presso le pubbliche amministrazioni, principio ribadito dalla Direttiva n° 1/2019 DFP 0041098P  del 24/06/2019 della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ministro della Pubblica Amministrazione.

Per dovere di chiarezza, infatti, si rappresenta che il bando prevede, solo ed esclusivamente, che nell’ambito del numero di posti messi a concorso operano le seguenti riserve che testualmente si riportano:

-            Ai sensi dell’art. 35, co. 3 bis, lett. A), D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i., è prevista riserva, nel limite massimo del 40% dei posti messi a concorso, in favore di coloro che alla data di pubblicazione del presente bando, siano titolari di rapporto di lavoro a tempo determinato laddove in possesso di anzianità di servizio, alla data di pubblicazione del bando di riferimento, di almeno 3 anni di servizio alle dipendenze dell’A.O.U. “San Giovanni di Dio e Ruggi d’ Aragona” nello stesso profilo e ruolo messo a concorso;

-            Ai sensi degli artt. 678 e 1014 del Decreto Legislativo n° 66 del 15/3/2010 e s.m.i., è prevista la riserva del 30% dei posti banditi in favore dei volontari in ferma in breve o in ferma prefissata quadriennale delle Forze armate congedati senza demerito anche al termine o durante le eventuali rafferme contratte (cfr. pagina 1 del bando).

Alla luce di quanto suesposto, la scrivente Organizzazione Sindacale, nel rispetto delle proprie prerogative, tese innanzitutto alla tutela dei diritti di tutti gli aspiranti infermieri, chiede alle Autorità in indirizzo, ciascuna per le rispettive competenze, di interessarsi alla complessiva vicenda e di porre in essere ogni opportuna azione tesa alla sospensione della prova preselettiva ovvero valutare attentamente la conformità del bando al rispetto delle norme della Legge 68/99, la quale esprime principi chiari e inconfutabili, che tutelano la piena dignità delle categorie fragili e protette.

 

Il Segretario Generale

Pietro Antonacchio

    Lascia un commento

    * Nome
    * Mail
    Commento
Mercoledì 28 ottobre 2020
  RSSFacebookTwitterGoogle +Google +PinterestPinterestPinterest    


Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported
@Reserved: Tutti i diritti sono riservati vietato la riproduzione anche parziale i trasgressori verranno puniti dalla legge.
Tutti i video che sono presente in questo sito sono senza scopo di lucro.

Le immagini raffiguranti loghi e marchi delle associazioni sono di proprietà dei rispettivi titolari. NotizieIrno è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti sul sito sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo. , che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.